Sospesa pittura la mia, con radici che vanno sia in terra che in cielo.
Percorso dinamico dove per reinventarmi ogni qualvolta ho bisogno di far allontanare la mia mente oltre i confini di un corpo. Il colore diventa sostanza di sottile materia e dal nero-abisso traggo le luci più espressive le tracce che insorgono a segnare una ricerca lenta e sofferta perché in costante lotta con me stessa. Le figure trattengono impulsi di ricordi. E ho il bisogno costante di trovare la mia intima dimensione nella unicità più autentica.

Mine is a suspended painting, with roots in earth and sky.
Dynamic path to reinvent myself every time I have to alienate the mind beyond the confines of a body. The color becomes fine matter essence and from the black-abyss I derive the most expressive lights traces arising to mark a slow and painful quest because constantly fighting myself. The figures hold the impulses of memories. And I have the constant need to find my own intimate dimension in the most authentic uniqueness.

Biografia
Bruna Caniglia nasce a Catania il 4 dicembre 1985.
Nel 2003 consegue il diploma presso il liceo artistico "Filippo Brunelleschi" di Acireale.
Nel 2007 si iscrive presso l'Accademia di Belle Arti e Restauro Abadir di S.Agata Li Battiati (Ct) dove completerà gli studi nel febbraio 2011. E' proprio in questi anni che sotto la guida dei docenti Piero Zuccaro e Giuseppe Puglisi, affronta una pittura la cui ricerca del colore e della luce è sempre più lenta e meditata, che conosce ed esplora dettagli ed aspetti figurativi in cui la materia si rivela accennata, sottile ma intensamente reale.
Nel 2016 si iscrive presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, dove conseguirà il Biennio specialistico in pittura. Da un inizio prettamente figurativo condotto con straordinaria tecnica, con innata attitudine al disegno, Bruna è passata adesso ad una fase dove la realtà sempre presente, è tradotta attraverso la ricerca delle qualità evocative della materia pittorica. E così, ad esempio, un mare diventa una superficie mobile sulla quale animano forze espressive di suggestivo impatto; il visibile lascia tracce da ricongiungere, ombre da mettere a fuoco, stati d’animo che si intrecciano in una corrente di viva tensione.Una pittura, quella di Bruna Caniglia, che si muove sulla dimensione della pura essenzialità linguistica, in quel riuscire a fondere rappresentazione e sogno impalpabile.

Esposizioni

  • ARTE UNITA, Presso Museo Emilio Greco, Catania 2017
  • Call for artists, nucleika, Catania 03/2017
  • Mostra "L'Unicotratto" a cura di Piero Zuccaro, Galleria Lo Magno, Modica 2010
  • Mostra "L'Unicotratto" a cura di Piero Zuccaro, Galleria La Vite, Catania 2011
  • Terza mostra collettiva all'aria aperta, Piazza Dal Verme, Zavattarello (PV) a cura di Giuseppe e Titina Dal Verme, 2011
  • Mostra collettiva "Rosso Fragola", 2011
  • Mostra collettiva "no made", Nomadegallery a cura di Sebastiano Pavia, 2011
  • Premio Arte 2012 Cairo Editore, Milano

Recensioni
Giovanni Criscione, INpress: "Bruna Caniglia si concentra nello studio della sua immagine rispecchiata. S'ispira ad artisti che hanno fatto del loro corpo il proprio oggetto di indagine come Andy Warhol e Urs Luethi. I suoi autoritratti su fondo scuro, fra natura e artificio, esplorano il disagio dell'essere."
Giuseppe Pitrolo: "...Gli autoritratti (barocchi o warholiani?) di Bruna Caniglia, introspettive variazioni sul corpo..."

Biography
Bruna Caniglia was born in Catania on the 4th of December 1985.
In 2003 she obtainIn 2007 she attended academic courses at the Academy of Art and Restoration Abadir in S.Agata li Battiati (Ct). She graduated with a BA in February 2011. During this time, guided by the artists Piero Zuccaro and Giuseppe Puglisi, she started developing a style of painting characterized by particular attention to colour and light. The style continues to evolve with careful thought and attention to detail. The resultant work explores detail and figurative aspects whose texture turn-out to be outline, thin but intensely real.
In 2016 she enrolled at the Academy of Fine Arts in Catania, where obtained a MA Degree in painting. From a purely figurative start conducted with extraordinary technique, innate aptitude for drawing, Bruna now moved to a stage where the ever-present reality, is translated through the search of the evocative quality of the painting. And so, for example, a sea becomes a movable surface on which animate expressive forces of suggestive impact; the visible leave traces to rejoin, shadows to focus, moods that woven into current of live tension. A painting, the Bruna Caniglia's, which moves on the pure linguistic simplicity dimension, being able to melt representation and impalpable dream.

Exhibitions

  • ARTE UNITA, Presso Museo Emilio Greco, Catania 2017
  • Call for artists, nucleika, Catania 03/2017
  • Mostra "L'Unicotratto" a cura di Piero Zuccaro, Galleria Lo Magno, Modica 2010
  • Mostra "L'Unicotratto" a cura di Piero Zuccaro, Galleria La Vite, Catania 2011
  • Terza mostra collettiva all'aria aperta, Piazza Dal Verme, Zavattarello (PV) a cura di Giuseppe e Titina Dal Verme, 2011
  • Mostra collettiva "Rosso Fragola", 2011
  • Mostra collettiva "no made", Nomadegallery a cura di Sebastiano Pavia, 2011
  • Premio Arte 2012 Cairo Editore, Milano

Reviews
Giovanni Criscione: "Bruna Caniglia's research focuses on her reflected image. She is inspired by artists, such as Andy Warhol and Urs Luethi, who have made their own body the object of their art. Her self-portraits, on dark ground, between nature and unnatural explore the human disease.
Giuseppe Pitrolo: "...Bruna Caniglia's (baroque or warholian?) self-portraits, introspective variations on the body..."